RED LAND

Uno squarcio di mare fra pendii boscosi, un paese di pietra con viuzze scoscese; si apre a poco a poco un microcosmo umano in una piccola e varia folla di personaggi in ansiosa attesa: della pace? del disastro imminente? Un inizio in apparenza lento riesce a rendere quell’atmosfera sospesa, i bisbigli di chi deve nascondersi e aspetta la resa dei conti, le illusioni di chi spera in un cambiamento rivoluzionario, la calma mantenuta nelle famiglie nonostante la paura. Lo sguardo a sprazzi si allarga alle città, Padova e Trieste, ai militari disorientati che aspettano chiarezza – dal pensoso e composto generale che riflette su una guerra sbagliata ai soldati che vogliono d’istinto tornare a casa per nascondersi e a loro volta proteggere le famiglie e non sanno nemmeno a chi sarebbe giusto rimanere fedeli, al re o al duce. Ai fascisti convinti o tiepidi che temono per le loro famiglie e sperano, almeno alcuni, nel ritorno di Mussolini. Perché in quel microcosmo si muovono i destini di una comunità composta di varie etnie, italiani e slavi, divisa dalle ideologie di nazione e di classe e dalle situazioni sociali, ma unita dalle mille sfumature di una secolare convivenza.

Siamo in guerra ed è l’8 settembre 1943

           Nel centro focale c’è comunque l’Istria, e restringendo il campo il paese di Visinada, la famiglia Cossetto e una ragazza, Norma, che all’inizio abbiamo visto come studentessa innamorata e splendente.

Norma è veramente esistita ed è stata violentata e gettata in una foiba, viva, dai partigiani comunisti di Tito. Purtroppo nella realtà le è andata anche peggio di quanto viene presentato nel film.  Un film che racconta dopo 75 anni la sua storia

 RED LAND ROSSO ISTRIA

        Nel corso del film e soprattutto alla fine dalle parole degli stessi personaggi apprendiamo che questa cupa vicenda è solo l’inizio di una tragedia più vasta, con l’esodo della popolazione italiana e anche di molti slavi; sarà, noi lo sappiamo, la fine di un mondo, punto di incontro e conflitto fra popolazioni italiche, slave e germaniche – un’Europa in miniatura – sul quale calerà per molti anni un imbarazzato silenzio.

        Sull’argomento esistono pochissimi film quindi questo cerca di dare un’idea di una situazione complicata e confusa come quella dell’Adriatico Orientale e in particolare dell’Istria, rappresentando dei personaggi tutti in preda a dilemmi tragici, paure estreme, scelte da fare senza le informazioni adeguate, illusioni, tante!    Non si può proprio pretendere che in esso si parli di tutto: l’argomento principale è la terribile situazione in cui si sono trovati gli italiani dell’Istria e moltissimi slavi dopo l’8 settembre 1943. Sulle radici di questa, antiche e risalenti a ben prima del fascismo, si possono scrivere saggi, romanzi e riempire biblioteche.  Benché sia lungo, il film tiene alte la tensione e la commozione: sono tutti sconfitti, gli italiani, alla fine, anche quelli che si oppongono al fascismo, e con loro tutte le persone di buona volontà di qualunque etnia o appartenenza ideologica.

I persecutori hanno la meglio. Avrei preferito qualche elemento romanzesco in meno e una caratterizzazione più sobria del capo partigiano, ma sono difetti in un lavoro ottimo.  Ho poi pensato che con questo personaggio – bravissimo l’attore – si volesse rappresentare una persona caratteriale, se non psicopatica: qualcuno al quale tocca fare il lavoro sporco.

Quando sono uscita dalla sala una signora mi detto che desiderava sapere qualcosa di più su una situazione così terribile e così poco conosciuta. Non ho potuto certo spiegare in due parole quell’assordante silenzio, in realtà assordante per pochi (gli altri erano totalmente ignari), e la micidiale combinazione di interessi politici e ideologici, nazionali e internazionali che lo ha provocato.  Ancora oggi il tema riapre ferite dolorose e suscita aspre reazioni ideologiche o nazionalistiche: il fatto stesso che il film sia uscito in poche sale e perlopiù periferiche è del resto significativo del clima in cui anche dopo tanti anni in Italia si viva questa tragedia e di quello che hanno passato quelli che l’hanno vissuta.

Se comunque anche qualcun altro fra gli spettatori ha cominciato o comincerà a porsi qualche domanda il film sarà stato un successo. 

Ho apprezzato in particolare la recensione di

Lucia Bellaspiga sull’Avvenire: «Rosso Istria», il film che rompe il silenzio sulle Foibe

https://www.avvenire.it/agora/pagine/rosso-istria

Precisa, partecipe ed equilibrata, descrive i personaggi, il clima e le vicende del film.

Sintetica (non era facile) e abbastanza completa anche quella di

Giancarlo Zappoli su mymovies:   UN FILM STORICO DALLA BUONA QUALITÀ SPETTACOLARE, CHE RICORDA IL PASSATO PER COSTRUIRE UN FUTURO DIVERSO.

https://www.mymovies.it/film/2018/red-land-rosso-istria/

TRAILER

https://youtu.be/OmpVYIwHxe0

RING Tele4 RED LAND (Rosso Istria) Regista e cast in studio Conyiene il trailer

Pubblicato il 11 nov 2018

https://youtu.be/uQmgBxBazGA

Intervista alla protagonista del film “ROSSO ISTRIA” (Red Land) SELENE GANDINI

   Pubblicato il 6 dic 2016

https://youtu.be/OytWMjZTOTE

Franco Nero ci parla della sua partecipazione al film Rosso Istria (Red Land)

https://youtu.be/Sqy2xR_NlTU

 

 

 

Articolo successivo
Lascia un commento

3 commenti

  1. marinaraccanelli

     /  28 dicembre 2018

    Ho trovato questa tua presentazione chiara, ben strutturata e ,nella sua sintesi, completa come proposta di argomenti; la trovo anche ben scritta, in quanto crei un’aspettativa nel lettore, poi spieghi e scendi nei particolari necessari, esponi le tue personali critiche nell’ambito di un giudizio nell’insieme decisamente positivo, e concludi con l’apertura verso le domande che il film stimola in chi lo vede.
    Buona la scelta dei link, molto utile per iniziare a comprendere un momento storico tanto complesso e controverso.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  2. marinaraccanelli

     /  30 dicembre 2018

    Credo che un film o una rappresentazione teatrale possano essere molto efficaci per ampliare la conoscenza di periodi storici come questo, tanto a lungo ignorato; il risvolto emozionale, secondo me, aiuta la comprensione dei fatti e del contesto politico e storico, e ne fissa l’importanza dentro la mente di chi assiste.
    Comunque, non se ne parlerà mai abbastanza: già troppe tradizioni, troppe vite, troppe memorie, troppe sofferenze e anche gioie, troppi fatti sono andati perduti…quasi non fossero mai esistiti.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  3. marinaraccanelli

     /  30 dicembre 2018

    L’ha ribloggato su poesie e altro.

    Piace a 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

poesie e altro

l'archivio delle parole in fila - zattera trasparente

contromattinale

il Blog di Vittorio Levi

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

AlberiEsperti

Perché si fa presto a dire alberi ....

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Bibliostoria

Risorse web per la storia, eventi, novità in biblioteca

Gallery15

#gallery15blog

Rupestreblog

∃x(φ)

Seidicente

altrimenti tutto è arte

F.C. confidenziale

"Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po'" [Marco 6, 31]

Intonations Cocktail Club 432

qui si beve di tutto: servitevi !!!

internopoesia.com/

Il blog di Interno Poesia

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Giovanni Pistolato

Blog letterario

RUMORE D'ACQUA

Haiku e poesia di ispirazione orientale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: